Il mio 2013 dalla A alla Z

Non ci sono grandi motivazioni al mio insperato, nonchè imprevisto, ritorno su questo blog; in sostanza il mio pc ha deciso di abbandonarmi, costringendomi ad utilizzare un computer alternativo, ovviamente privo di qualsiasi “comfort”. Niente giochi, niente film, niente musica. E quindi, sentendo il disperato bisogno di perdere il mio tempo in modo costruttivo, ho deciso di scrivere di nuovo qualcosa. Domani sarà l’ultimo giorno dell’anno e, per fortuna, lo trascorrerò lontano da casa con i miei amici. Approfitto allora di questa noiosa sera del 30 Dicembre per ricordare il 2013, un anno particolare, ma senza dubbio importante. Per farlo, mi sono ispirato ad alcuni articoli che avevo letto su Eurosport, nei quali erano raccolti gli eventi sportivi più importanti dell’anno, abbinati alle lettere dell’alfabeto. Quindi partiamo:

come Amatori, inizio questo lungo elenco con una delle scelte più felici del mio 2013: abbandonare il calcio della FIGC per passare al calcio amatoriale. Che liberazione! Niente più finti moralismi, niente più preferenze per i “figli di papà”, niente più pressioni inutili, solo tanta birra e tanta voglia di festeggiare.

come Borussia Dortmund, il 2013, infatti, è stato l’anno in cui una delle squadre che più amo(già da qualche anno), il Borussia Dortmund, appunto, si è definitivamente affermata come squadra competitiva a livello europeo, raggiungendo la finale di Champions League, persa poi contro l’armata del Bayern Monaco. “Echte Liebe!” comunque!

come Common Courtesy, la terza lettera dell’alfabeto è dedicata ad un album musicale che ho aspettato a lungo: Common Courtesy degli A Day to Remember. La sua pubblicazione (8 Ottobre) ha messo fine ad un’attesa che durava in me da vari mesi, in quanto era ormai dal 2010 che la mia band preferita (gli ADTR appunto) non sfornavano qualcosa di nuovo. Ovviamente la mia attesa è stata ripagata con una vera e propria bomba!

come Donnie Darko, senza alcun dubbio il film che ho visto di più in questo 2013. Il mio film preferito, uno dei pochi che non riesco a stufarmi di vedere.Un film che mi ha aiutato molto spesso a risollevare il morale. Se questo è poco..

come Elezioni, il 2013, infatti, è stato l’anno del mio primo voto. Non nascondo che l’esperienza sia stata abbastanza fallimentare, ma comunque formante. Non mi dilungo in discorsi relativi alla mia visione della politica; rimane il ricordo di aver contribuito, in un modo o nell’altro, al destino della mia nazione.

come Fine di Skins, ricorderò il 2013 anche come l’anno della conclusione delle mie serie tv preferite: Skins (la versione Inglese, ovviamente). Con i 3 episodi speciali (Fire, Pure e Rise), infatti, è stata data una degna fine alla serie che durava ormai da 6 stagioni. Queste 6 puntate, guardate rigorosamente in inglese, sono un concentrato di quello che Skins è stato negli anni. A rafforzare il ricordo di questi 3 episodi, sono le ore passate a commentare ogni singola scena con la mia migliore amica.

come Gestionale, incredibile ma vero, anche io, nel 2013, sono sbarcato nel meraviglioso mondo dell’Università. La facoltà che ho scelto è, proprio, Ingegneria Gestionale. Nonostante qualche dubbio iniziale, la mia scelta sembra essere quella giusta, ora vedremo cosa porterà il futuro..

come Lo Hobbit, la lettera H riguarda un altro film, Lo Hobbit – La desolazione di Smaug; questo film, l’ultimo che ho visto al cinema, è tratto dall’unica delle opere “principali” di Tolkien che non ho letto (ma che sto leggendo). Definirei questo film un’esplosione di colori, nonostante ancora la perfezione del Signore degli Anelli sia lontana. La visione di questo film ha acquisito anche importanza a causa del fatto che, assieme a me, a vederlo, c’era un caro amico che non vedevo da tempo.

come Isaac Asimov, per questo punto ringrazio molto il mio amico, nonché collega, Stefano C. Grazie a lui, infatti, mi sono immerso nella lettura di questo autore, vero e proprio pilastro della letteratura fantascientifica. Proprio in questo momento sto leggendo il suo Ciclo delle Fondazioni, favoloso. Ancora grazie.

come Lignano, il “teatro” della serata in discoteca migliore della mia vita. Sarà stata la pressione degli esami, ma la Festa dei Maturandi al Mr. Charlie è stata davvero indimenticabile.
Tutti i miei amici riuniti in un solo luogo, vogliosi di far festa come non mai. Una serata unica.

come Maturità, forse il punto più importante dell’intera lista. L’esame di maturità, un vero e proprio salto nella mia vita. Il simbolo più evidente del passaggio dal mondo dell’infanzia a quello “dei grandi”. Un esperienza che mi ha colpito molto, ovviamente in modo positivo. Tante emozioni nei giorni che lo precedevano, culminate con la famosa “Notte prima degli Esami”. La consapevolezza che tutto ciò è alle spalle è, tuttora, spiazzante.

come Notte Prima degli Esami, nonostante questo abbinamento possa sembrare un “copia e incolla” del precedente, credo che la notte in questione meriti un capitolo a se stante. In questa notte infatti, si sono concentrati tutti i sentimenti che un’diciottenne può provare:amore,odio,amicizia,paura,rabbia e soprattutto voglia di mostrare il proprio valore. Una serata passata assieme ai miei amici, alcuni dei quali nella mia stessa situazione. Una delle poche notti in cui non mi sono sentito solo..

come Oblivion, finalmente, dopo vari tentativi, sono riuscito a finire il quarto capitolo della serie di The Elder Scrolls. Epico.

come Patente, il 2013 è stato anche l’anno in cui ho iniziato la grande impresa della conquista della Patente. Se tutto andrà bene, questo percorso si concluderà il 7 Gennaio. Un altro simbolo del passaggio al “mondo dei grandi”, sta per far parte di me..

come Quicksand, il nome di questo blog dal 2013 (in sostituzione del vecchio Noizesolutions lol) nonché la mia parola inglese preferita. Tratta da una canzone di uno dei gruppi che ho, piacevolmente, scoperto proprio nel 2013, i The Story so Far, è una parola che mi ha subito impressionato come sonorità. Il significato è semplice: “Sabbie Mobili”. “Cellar-Door” sta a Tolkien come “Quicksand” sta a me.

come Rasoio Personale, tra le tante cose che sono capitate, pure questa è da ricordare, infatti, dopo anni di “clandestinità” ho iniziato ad usare un rasoio tutto mio per radermi. Non propriamente una cosa di cui andare orgogliosi, ma sicuramente una cosa di cui ricordarsi.

come Straight Edge, ovvero la cultura che ho seguito per ben 2 mesi della mia vita. Niente alcol, niente sballo, solo tanta attitudine. Non nascondo che sia stato molto difficile, ma sono fiero dei due mesi che ho trascorso seguendo i dettami di Ian McKaye, soprattutto perchè sono stati mesi estivi, quindi ancora più complessi da “gestire”.

come Teenager, uno dei “paragrafi” più tristi; il 2013 sarà l’ultimo anno che passerò interamente da teenager. Spiazzante.

come Udine, da fine Settembre mi sono trasferito ad Udine, dove studio ora all’Università. Un bel salto, che comunque continuo a considerare positivo e proficuo. Da quando, poi, alcuni miei amici mi hanno raggiunto, il tutto è stato ancora più piacevole.

come Vaffanculo, la parola che più ho usato durante questo anno. Dedicata alle più svariate persone, è tuttora la miglior medicina che conosca contro lo stress. Grazie “Vaffanculo”, grazie di tutto.

come Zorro.

Ho paura di aver dimenticato qualcosa, o forse qualcuno..

Contrassegnato da tag

Changes

E invece niente corsa.. Mi sono soffermato a leggere ciò che avevo scritto qualche mese fa nei miei “articoli”.
Molte cose sono cambiate in un solo anno, e in questo post ho intenzione di metterle in chiaro.
Innanzitutto la scelta della facoltà universitaria: qualche post più in basso dichiaravo di tentare di diventare il prossimo “Mark Zuckerberg” e di voler, quindi, iscrivermi ad una facoltà legata strettamente all’informatica; alla fine la mia scelta è ricaduta su Ingegneria Gestionale, che pur comprendendo alcuni elementi riguardanti il mondo dei pc, si stacca nettamente dai miei iniziali progetti.
In secondo luogo i miei sogni. Sempre rileggendo le cose che scrissi durante le mie notti passate in bianco, ho apprezzato le mie alte aspirazioni per il futuro, che, però, dopo un anno, si sono notevolmente ridimensionate.
Se una volta speravo di dimostrare al mondo chi ero e quanto valevo (come Zuckerberg appunto) , ora come ora mi accontenterei di una discreta carriera professionale, accompagnata però dalla presenza costante nella mia vita di persone di cui io possa fidarmi.
Queste due sono le differenze principali.
Altre differenze di minor importanza sono:
– il Poker; mi ha stufato. Niente più articoli di probabilità,tecniche di gioco, ecc. Tutto il vasto mondo riguardante il poker è uscito dalla mia vita    e difficilmente vi rientrerà;
– scrivere non è più una mia ambizione, lo faccio unicamente per passione e per rilassarmi;
– il mio stile di scrittura è cambiato, influenzato da letture che ho intrapreso quest’anno (Musil, Joyce, ecc.)

Per il resto sono sempre io..

Miracolo

E’ passato quasi un intero anno dall’ultimo post che ho lasciato su questo blog. Nel frattempo ho cercato di aprirne un altro, assieme ad un mio caro amico, incentrato sul mondo del calcio; anche questo si è rivelato un fallimento.
Ah, si.  Ho conseguito anche la maturità.
Sono in vacanza da circa 2 mesi e, nonostante un inizio davvero interessante, anche questa estate si sta rivelando sotto le mie aspettative.
Sarà anche per questo che ho deciso di scrivere di nuovo qualcosa qui.
Tra un mese e mezzo (circa) inizierà l’Università, e con essa dovrebbe arrivare una ventata di cambiamenti ( so che non sarà così, ma tanto vale sperarci).
Mi trasferirò ad Udine e, quantomeno da questo punto di vista, le cose cambieranno.
Ho deciso di cambiare nome al blog, si chiamerà Quicksand, come una canzone dei The Story So Far.
Nella speranza di non aspettare un altro anno per pubblicare qualcosa, vado a fare una corsa.

 

Top5

Sono tornato su questo sito dopo alcuni mesi. Poca fantasia? Poca voglia? Non lo so, ma ormai il mio blog sembra una fabbrica abbandonata🙂 Tutte le bozze che ho scritto mesi fa, sono ancora qua, pronte ad essere completate. Dubito lo farò. In un momento di noia decido di stilare la mia classifica delle 5 migliori pagine di Facebook che ho scoperto nell’ultimo periodo. Partiamo:

-5 I Metallari incazzati di Wikipedia (http://www.facebook.com/pages/I-metallari-incazzati-di-Wikipedia/217866834957356?ref=stream ). Pagina dedicata al “famoso” metallaro bisognoso di denaro che sbucava sulla parte superiore della pagina di Wikipedia.

-4 Ti va di mettere questa fottuta rabbia sotto contratto? (http://www.facebook.com/pages/Ti-va-di-mettere-questa-fottuta-rabbia-sotto-contratto/113061355435538?ref=stream ). Ispirata dalla famosa frase del prepara-tori.

-3 Entrare ai party sparando 4 colpi di 9mm in aria ed esclamare “Bella rega” (http://www.facebook.com/pages/Entrare-ai-party-sparando-4-colpi-di-9mm-in-aria-ed-esclamare-Bella-rega/113494085409605?ref=stream). Maranza e armi. Serve altro?

-2 Andare a mignotte con “Dreams are my reality” appalla in macchina (http://www.facebook.com/pages/Andare-a-mignotte-con-Dreams-are-my-reality-appalla-in-macchina/220136834772918?ref=stream). Romanticismo fino al vomito.

-1 Andare a puttane con l’armatura per non farsi riconoscere (http://www.facebook.com/pages/Andare-a-puttane-con-larmatura-per-non-farsi-riconoscere/255723614514548). La vera utilità dell’armatura daedrica..

Ecco, ora sono soddisfatto :3 Posso tornare a seguire la Serie A.

FOTTUTE/I

#3 Fottute persone incapaci di avere una vita sociale

I’mBack

Dopo un periodo di inattività su questo blog, riprendo la penna (metaforica) in mano.
Mi sono appena svegliato. E’ il primo giorno delle vacanze pasquali. Sono tornato a casa da poche ore da una festa. Non ricordo praticamente nulla. Sono successe tante cose ieri sera, tutte sfocate e annebbiate nella mia memoria. Ricordo che, alle 10 e mezza circa, un mio amico limonava con una statuetta di ceramica rappresentante Gesù. Ricordo che un ragazzo ha ingurgitato inconsapevolmente un cocktail di vodka e urina, una delle cose più disgustose che abbia mai visto. Ricordo di aver corso sotto la pioggia con qualcuno, ma non ricordo chi fosse questo “qualcuno”. Ricordo questo, e poco altro. Mi sono ritrovato alle 5 di mattina immerso nel buio, addormentato, senza la minima idea di dove il mio corpo si trovasse. Nella mia tasca vi era un cellulare, che, incredibilmente, non era scarico. Facendomi luce con lo schermo capii di essere su un letto, in una camera del secondo piano della casa in cui la festa aveva luogo. La mia gamba sinistra non rispondeva ai miei comandi. Alla mia destra giaceva l’unico ragazzo di tutta la festa ancora sobrio. Volevo bere qualcosa di fresco. La mia gamba piano piano tornava a funzionare. Scendendo le scale mi resi conto di ciò che era successo poche ore prima. Entrato in cucina mi fiondo verso il frigo. Qualcosa però mi attrae. Esco dalla porta di casa. C’erano degli occhiali da donna a terra. Non avevo idea di chi potessero essere. Pioveva a dirotto. Alzando lo sguardo al cielo, le gocce d’acqua potevano scorrere sul mio volto liberamente. Era rilassante e rinfrescante. Nel frattempo i ricordi iniziavano a riaffiorare…

Lato Oscuro

Ognuno ha un lato oscuro. Tutti hanno qualcosa da nascondere. Anche le persone migliori.
E’ questo il caso di Jason Russell, promotore della campagna KONY 2012, che spopola nel web da alcune settimane. L’uomo che, dal video ufficiale del suo movimento di protesta, sembrerebbe essere un padre di famiglia ideale, nonché un grande educatore è stato avvistato nei pressi di San Diego, completamente ubriaco e nudo (LOL), intento a commettere atti vandalici su automobili e a masturbarsi con allegria.
http://attualita.tuttogratis.it/mondo/arrestato-jason-russell-regista-americano-di-cause-umanitarie-atti-osceni-in-luogo-pubblico/P151393/ Ecco il link della notizia🙂

Personalmente continuo a pensare che egli sia una persona stimabile, nonostante questi gesti. Semplicemente ha esagerato con l’alcool; succede a tutti. Torno a giocare a Fifa 12, sperando che la febbre mi passi.

 

Fottute/i

#2 Fottuti fratelli urlanti mentre cerco di studiare.

Fottute/i

#1  Fottuti pranzi in famiglia la domenica mattina.

Basta con la Morte Pt.1

Prendendo spunto dall’epica canzone di Mc Cavallo, inauguro una nuova tipologia di post: i “Basta con la Morte”.
Questi post tratteranno di una cosa molto divertente: la morte. Detto così non è divertente, lo so. Per renderlo più interessante, infatti, cercherò infatti di riunire tutte le notizie, gli avvenimenti e le curiosità più strane riguardanti questo argomento che ci accomuna tutti.
Il primo post parlerà di una donna, di nome Chen Qingwang, la quale faccia a faccia con la morte ha detto “Basta con la Morte!”, preferendo di gran lunga tornare a cucinare, piuttosto che finire sotto alcuni metri di terriccio. Ecco la notizia : http://notizieincredibili.scuolazoo.com/incredibile/95enne-resuscita-dopo-6-giorni-volevo-cucinare-qualcosa-foto.
“Sono tornato dalla morte, e adesso sono forte, quindi BASTA CON LA MORTE!”

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.